12 dicembre 2017

Top Ten Tuesday, #40 | Dieci libri che aspetto dal 2018

Buona sera, lettori! 
Dopo due settimane torno con la rubrica del martedì e vi elenco, in ordine casuale, dieci libri che aspetto dal 2018. A dire la verità i libri che attendo sono molti di più e infatti vi farò una lista completa o alla fine dell'anno oppure nei primi giorni di gennaio. 



Top Ten Tuesday
Rubrica ideata dal blog The Broke and the bookish. 
Ad ogni appuntamento vengono elencate 10 cose seguendo una lista con un tema proposto. 
La cadenza è settimanale, ogni martedì. 





Ti ho trovato fra le stelle di Francesca Zappia | In uscita ad aprile per Giunti
La ragazza di stelle e inchiostro di Kiran Millwood Hargrave | In uscita a febbraio per la Mondadori 
Per sempre mia di Jennifer L. Armentrout | In uscita a gennaio per la Nord
Bellezza selvaggia di Anna-Marie McLemore In uscita ad aprile per la Newton Compton 
The Winner's Crime di Marie Rutkoski | In uscita a gennaio per la Leggereditore 



Uno di noi sta mentendo di Karen McManus | In uscita a marzo per la Mondadori
Warcross di Marie Lu | In uscita ad aprile per la Piemme
Ti aspetto da sempre di Ava Dellaira | In uscita a marzo per la Sperling & Kupfer  
Our dark duet di V.E. Schwab | In uscita a data da definire per la Giunti
Always and Forever, Lara Jean di Jenny Han | In uscita ad aprile per la Piemme

..........................................................................


Cosa ne pensate di questi libri? Ne avete letto qualcuno e siete d'accordo con me?  
Fatemi sapere, 
Leen 

11 dicembre 2017

Anteprima | "Awaken" di Barbara Bolzan

Quest'oggi esce il quarto ed ultimo volume della Rya series di Barbara Bolzan! 


Awaken (Rya Series, #4) 
di Barbara Bolzan
Delrai Edizioni
€ 2,99 (ebook) € 16,00 (cartaceo)
In uscita oggi, 11 dicembre 2017
La vita ha lame affilate. La principessa di Temarin è sopravvissuta e non è più disposta a rinunciare a se stessa.
Rya non smette di combattere e lotta, c'è ancora una speranza a tenerla in piedi. La verità ferisce, l’inganno trama ancora, e gli incubi tornano la notte a tormentarla, ricordandole cosa è stata e cosa non sarà mai. E l’amore non è per lei, che ha scelto di legarsi a un uomo i cui impulsi sono più forti di qualsiasi sentimento. Ma c’è ancora una battaglia da combattere, quella definitiva, che la porterà a una vittoria schiacciante. Tuttavia non è semplice per chi ha amato stravolgere la propria identità e mettersi di fronte al segreto svelato, perché non c’è crudeltà peggiore che cercare traditori tra coloro che ami e di cui ti fidi. Ma l’esistenza è così, colpisce dove meno te l’aspetti.
Nessun dolore, per quanto sordo, può sopraffare il sentimento totalizzante d’amore che Rya prova per Nemi.
..............................................................................

Cosa ne pensate? Avete letto i precedenti romanzi oppure stavate aspettando la fine della serie per iniziarla? 
Fatemi sapere, 
Leen  

Secret Santa 2017 | Presentazione ed iscrizioni



Ciao lettori e buon lunedì!
Come avete trascorso il fine settimana lungo? In questo giorni avete addobbato l'albero di Natale oppure siete andati ad acquistare i regali? O ancora avete fatto tutt'altro? 
Vi avviso che nei prossimi giorni, causa un esame, sarò poco attiva sul blog. Ma non preoccupatevi, ho già programmato alcuni post! 
Oggi, comunque, sono qui per rendervi partecipi di un'iniziativa che organizzo in collaborazione con: La lettrice in soffittaMilioni di particelleLibri Libretti LibracciVuoi conoscere un casino.
Avete mai sentito parlare del Secret Santa? 

Di cosa si tratta

Il Secret Santa si basa sul presupposto di fare e ricevere regali in segreto. Ognuno dei partecipanti farà un regalo a qualcuno degli altri e il destinatario non saprà da chi lo ha ricevuto finché non lo avrà fra le proprie mani. 

Regolamento
  • Possono partecipare tutti, sia blogger che lettori. 
  • Per partecipare vi basta compilare il form che trovate qui in basso con il vostro nome, indirizzo e una mail alla quale contattarvi. Siete pregati di avvisare se soffrite di particolari allergie o intolleranze o se semplicemente qualcosa vi disgusta. 
  • Gli smistamenti saranno casuali - e saremo noi organizzatrici a farli - perciò non è detto che chi vi farà il regalo sarà la stessa persona alla quale voi invierete qualcosa. 
  • È assolutamente vietato rivelare in anticipo al destinatario che sarete voi quelli che gli farete il regalo. 
  • Il Secret Santa si basa sull'onestà. Se decidete di iscrivervi, siete pregati di partecipare. 
  • Gli organizzatori non si occupano di reclami o resi in caso di perdita del pacco. 
Regali

Questa non è una gara. Non dovete per forza regalare qualcosa di bello, di grande o di costoso. 
Basta fare anche solo un piccolo pensiero, come un segnalibro oppure una bustina del the. L'importante è fare qualcosa. 



Il modulo d'iscrizione sarà possibile compilarlo da oggi fino al 18 dicembre. In modo tale da avere una speranza - invochiamo il Santo delle Poste - che i regali arrivino in tempo! 


………….................……............………………………….

Non vedo l'ora di scoprire chi di voi ha deciso di partecipare a questa iniziativa:)
A presto, 
Leen 

10 dicembre 2017

Release Blitz | "Io sono l'usignolo" di Emanuela Navone



Ciao lettori e buona domenica! 
Oggi il blog partecipa ad un'iniziativa indetta per l'uscita de Io sono l'usignolo di Emanuela Navone, un thriller in uscita quest'oggi. 



Io sono l'usignolo
di Emanuela Navone
Self-publishing
€ 2,99 (ebook) 
Amazon | Goodreads
In uscita oggi, 10 dicembre 2017
Chi è Florian Chevalier e perché ha bruciato la casa del sindaco di Val Salice? Questo si domanda il giornalista Rubino Traverso, intenzionato a scoprirne di più e sorpreso che nessuno voglia raccontare nulla. Quando, proseguendo le ricerche, inizia a ricevere disegni bizzarri e strani messaggi intimidatori, capisce la verità non deve venire a galla. Che cosa nascondono gli abitanti di Val Salice? In un agosto spazzato dal vento, Rubino scoprirà a poco a poco che perfino un piccolo paese sperduto fra i monti liguri ha i suoi scheletri nell’armadio. E dovrà a tutti i costi scoprire quali. Cosa sei disposto a perdere pur di conoscere la verità?

Emanuela è nata a Genova e vive in un paesino sperduto sui monti proprio sul confine con il Piemonte.
Scrive da quando era una bambina, e da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. È cresciuta a pane e Stephen King, e gran parte della sua esistenza l’ha trascorsa leggendo i suoi horror e i fantasy della Bradley, Tolkien, Goodkind e autori meno famosi.
Nel 2014 ha finalmente ottenuto la laurea dopo anni di lacrime e sangue e si è trovata nel mondo reale e ha scoperto che era pieno di denti aguzzi. È diventata assistente editor per Edicolors, una casa editrice specializzata in narrativa per l’infanzia; poi, cedendo allo smisurato ego che la divora, ha deciso di diventare freelance.
Vive in una grande casa circondata da gatti — prima o poi diventerà come la gattara dei Simpson. Oltre alla scrittura, adora la musica metal e la fotografia. La trovate spesso in giro per i boschi con la sua fedele reflex e la testa sulle nuvole.
Ha pubblicato, sempre come self, il breve Prontuario di editing e il racconto Reach, contenuto anche nella raccolta a scopo benefico Only Hope.



Estratto

Lunedì 21 agosto 2000
Il trasloco a Val Salice iniziò sotto i peggiori auspici.
Primo punto: appena partiti dovemmo tornare indietro perché Rossana aveva dimenticato il valigiotto con creme, detergenti e qualsiasi orpello con cui donne come mia moglie si divertivano in bagno.
Secondo punto: partiti per la seconda volta, dovemmo di nuovo tornare indietro perché Stella non trovava Lalla e se non aveva la sua bambola di pezza rischiava di patire l’autostrada.
Terzo punto: Oscar, il gattone rosso e pigro, decise che non amava più la gabbietta e dovemmo farlo uscire, con la conseguenza che passò il viaggio disteso sulle cosce di Rossana, emettendo di tanto in tanto un miagolio di vero dolore.
Morale: arrivammo a Val Salice due ore dopo il previsto, sotto un temporale di quelli che ti annegano appena metti un’unghia fuori, Rossana e Stella nervose e io più sudato di quando, al mare, mi ostinavo a non prendere sdraio e ombrellone perché non mi andava di sborsare ventimila lire.
Ciliegina sulla torta, appena scendemmo dalla BMW, infagottati sotto giacchette leggere prese alla spicciolata in una valigia, Stella iniziò a starnutire.
Di per sé, qualche starnuto non è grave, ma essere sposati con Rossana De Simone equivaleva a una delle Grandi Tragedie.
Le hai portate le medicine? No che non le hai portate, vero? E adesso come facciamo diavolo adesso le verrà la febbre e non hai portato le medicine e se si sente male bisogna chiamare l’ambulanza andare al pronto soccorso che poi l’ultima volta siamo stati lì ore.
Neanche il tempo di scaricare i bagagli che dovetti fiondarmi in auto e cercare una farmacia in quel paesino sperduto tra i monti liguri.
Così iniziò la mia nuova vita lontano dalla città. E mentirei se dicessi che ero elettrizzato.


Il campanello suonò mentre la porta si apriva. Mi sfregai le mani l’una contro l’altra, intirizzito nel giubbotto leggero. Le scarpe di tela filtravano l’aria come ciabatte da mare. Feci due passi. File di scaffali di legno ospitavano un melting-pot di medicinali, mentre dietro il bancone, una vecchia credenza conteneva piccole brocche forse dipinte a mano. In un angolo, una vecchia bilancia si incastrava tra due depliant che promettevano la migliore soluzione alla tosse secca e spiegavano perché fosse nocivo fumare in gravidanza.
La farmacia di Ca’ Tonda, paesino minuscolo vicino a Val Salice, era un pot-pourri di scatoline colorate. Se avessi avuto dietro la mia reflex, mi sarebbe piaciuto catturare qualche sfumatura, un verde smeraldo, un rosso mattone o un bianco panna. 
La donna dietro il bancone batteva sui tasti del registratore di cassa e parlottava tra sé. Al suono del campanello, alzò lo sguardo. «Buonasera» cinguettò.
«Buonasera.» Mi avvicinai con le mani in tasca.
«Freddino, vero?»
«Già.»
La donna diede una rapida occhiata al registratore di cassa. Il pollice e l’indice grattavano pigramente il mento. «Oggi il buon Charlie non ne vuole sapere di funzionare.»
Dovevo avere un’espressione stupita perché la donna scoppiò a ridere.
«Charlie è il nome che ho dato al registratore» spiegò.
«Ah.»
«Che cosa desidera?»
«Del paracetamolo. Mia figlia ha un forte raffreddore e mia moglie teme le venga la febbre.»
La farmacista annuì e uscì dal bancone. Una piccola botte in camice bianco. «In questo periodo è facile ammalarsi» disse mentre rovistava in uno scaffale. «Turisti?»
«Ci siamo trasferiti oggi a Val Salice.» Assunsi una delle mie migliori espressioni scocciate per troncare il dialogo. Non avevo di certo tempo da perdere in inutili chiacchiere.
La farmacista terminò la ricerca su uno scaffale e passò all’altro. «Un posticino accogliente, vero?»
Tentativo fallito.
«Sa che è stato quasi raso al suolo da un incendio?»
In meno di un secondo, la mia espressione scocciata diventò incuriosita. «Non lo sapevo.» Fissai la donna con vivo interesse.
La farmacista pescò una confezione di paracetamolo nascosta tra un flacone di sciroppo per la tosse e un detergente intimo. Caracollò verso il bancone e vi posò la medicina. «Successe vent’anni fa.» Scosse la testa. «Una vera tragedia.»
Posai una banconota da ventimila lire accanto al registratore di cassa. Lo sguardo della farmacista sembrava afflitto, ma dietro si scorgeva qualcosa, una specie di forte desiderio, un’aspettativa.
dai chiedimi cosa successe ti prego
Stetti al gioco.
«Che cosa successe?»
La donna parve gonfiarsi come un palloncino. Si allungò verso di me e mise una mano sulla bocca. «L’incendio distrusse la casa del sindaco e si propagò per metà del paese. Montignani, sua moglie e suo figlio non ce la fecero.» Tamburellò le dita sul bancone. «Aveva appena vent’anni, quel povero ragazzo. Morire così... Che destino ingiusto.»
Presi il flacone di paracetamolo. «È stato un incidente?»
I grandi occhi da lontra della farmacista mi guardavano fissi. «Certo che no. Florian Chevalier. L’usignolo.» Si diede un colpetto sulla tempia. «Un pazzo.» Armeggiò ancora qualche istante con il registratore. «Non è serata, vero, Charlie?»
«Usignolo?» Mi stava prendendo in giro?
«Così si faceva chiamare. Non so il motivo.» Risatina civettuola.
«Perché lo ha fatto?» Misi la medicina nella tasca dei jeans.
La donna fece spallucce. «Lo chieda agli abitanti di Val Salice.» Riprese ad armeggiare con il registratore di cassa. «Le scoccia se non batto lo scontrino?»
Feci un saluto smozzicato. Non mi scocciava. Uscii.
Oh, se lo avrei chiesto. Lo avrei chiesto di certo.
Quella palla con il camice addosso non sapeva che le tragedie erano il mio pane quotidiano.
Rubino Traverso, giornalista e fotoreporter: questa è roba per te.

…………....……............………………………….

Cosa ne pensate di questo romanzo? Vi incuriosiscono la trama e l'estratto? 
Il libro lo sto leggendo proprio in questi giorni e mi sta piacendo! 
Fatemi sapere, 
Leen 

8 dicembre 2017

Release Party + Recensione | "Blood of the Prophet" di Kat Ross


Oggi esce Blood of the Prophet di Kat Ross, il secondo volume della trilogia fantasy con protagonista Nazafareen. Grazie alla Dunwich ho avuto l'occasione di leggerlo in anteprima ed oggi vi dirò cosa ne penso!  



Blood of the Prophet (Il quarto elemento, #2)
di Kat Ross
Dunwich Edizioni
€ 3,99 (ebook) € 14,90 (cartaceo)
Amazon | Goodreads
In uscita oggi, 8 dicembre 2018
Visionario. Alchimista. Salvatore. Santo.
Il Profeta Zarathustra è stato chiamato in molti modi. Ora trascorre il suo tempo disegnando capre dall’aspetto bizzarro. Ecco cosa succede quando ci si ritrova in una cella per duecento anni. Ma l’uomo che potrebbe essere impazzito, e che decisamente dovrebbe essere morto, è di colpo tornato a essere molto importante…
Sono passate soltanto poche settimane da quando Nazafareen è fuggita dai sotterranei del Re con il suo daeva, Darius. Sperava di non dover mettere più piede all’interno dell’impero, ma la ricerca del Profeta l’ha condotta nell’antica città di Karnopolis. Devono trovarlo prima che Alexander di Macedonia bruci Persepolae, e con essa la madre di Darius. Ma non sono i soli a cercarlo.
Il negromante Balthazar ha i suoi piani per il Profeta, così come il capo delle spie dei Numeratori. Mentre Nazafareen viene attirata in un gioco pericoloso, i suoi nuovi poteri prendono una brutta piega. Soltanto il Profeta comprende il segreto del suo dono, ma il prezzo di quella conoscenza potrebbe rivelarsi più di quanto Nazafareen sia disposta a pagare…
Come tutti coloro che hanno letto il primo volume, anche io ho aspettato non troppo pazientemente l'arrivo di questo secondo romanzo. Perché, okay, The Midnight Sea aveva comunque un finale tutto suo, ma si era concluso con tantissime domande e praticamente nessuna risposta. Era stato spiegato che cos'è il Fuoco Sacro e come funziona, in cosa consiste il legame tra daeva e umani, e il Grande Segreto era stato rivelato, ma poi erano arrivati altri quesiti. Soprattutto, riguardo alla nostra Nazafaree e a ciò che è in grado di fare. Fortunatamente, però, questo secondo volume è il romanzo delle rivelazioni

Blood of the Prophet riparte da dove la storia si era precedentemente fermata. 
Alexander sta radunando le truppe per attaccare e distruggere Persepolae, anche a costo di bruciarla e uccidere tutti i suoi abitanti. Victor e Lysandros, due daeva molto antichi e potenti, si stanno dirigendo da Neblis, la Regina dei demoni, per impedirle di avere il Fuoco Sacro, che le permetterebbe di creare nuovi legami o distruggerli. 
Mentre Nazafareen e Tijah con i loro daeva si sono diretti a Karnopolis per trovare il Profeta Zarathustra - che nello sconcerto generale è ancora vivo e vegeto - e portarlo da Alexander. Infatti, avendo creato lui stesso la magia che lega i bracciali, è l'unico che sa come distruggerla ed è quindi l'ultima speranza per evitare uno spargimento di sangue inutile.  
Purtroppo però loro non sono gli unici sulle tracce del Profeta. Ci sono anche Araxa, uno dei Numeratori che vuole trovare il Profeta per ucciderlo, e Balthazar, il negromante che ha rubato il Fuoco Sacro da Victor, che vuole portarlo dalla sua Regina, che stanno macchinando nelle ombre. 
Il primo di loro che lo troverà segnerà non solo il destino del Profeta, ma anche quello di tutta la Persia. 


«Sarò sempre tuo, bracciali o meno», mi disse mentre il calore del suo corpo mi avvolgeva. «In questa vita e in tutte quelle dopo di questa.» 

Se il primo volume mi era piaciuto tantissimo, posso dire con certezza che questo secondo libro è finora il mio preferito. C'è solo un avvenimento che non mi è piaciuto e che continuo a non digerire, ma per tutto il resto il romanzo è stato favoloso! 
Ho amato l'evoluzione che hanno avuto tutti i personaggi, anche quelli secondari, anche quelli che non mi aspettavo subissero un cambiamento. Mi è piaciuto pure Balthazar! Ebbene sì, l'antagonista principale in questa seconda parte della storia si rivelerà essere un personaggio dalle mille sorprese. 
Altra cosa che ho adorato - ed è un fatto che mi è piaciuto moltissimo anche del primo volume ed in generale dell'intera trilogia - è come la Ross mescoli la storia passata e reale alla sua storia e alla magia. 
Adesso non mi resta che aspettare che il terzo ed ultimo volume arrivi in Italia! 

Ringraziamo tutti Tania per questo piccolo regalino! 

.............................................................................

Cosa ne pensate di questa serie? Avete letto il primo volume e stavate aspettando l'uscita di questo? 
Fatemi sapere, 
Leen